La pizza è ancora un piatto popolare? Mi sa che c’è da discuterne…

Se si affronta la questione esclusivamente dal punto di vista dei prezzi la risposta nell’anno di grazia 2024 è un secco e chiaro no.

Sempre mettendo in conto più di una lodevole eccezione e specifiche situazioni territoriali, in generale e per i prezzi in taluni casi raggiunti, la pizza ormai non la si può considerare più un cibo popolare.

La pizza è ancora un piatto popolare pizza margherita

Se invece si analizza il tutto secondo l’ottica del cambiamento che per ogni umana faccenda è il reale motore di ogni progresso, la risposta è un sofferto “ni”, perché un sì netto sarebbe ben poco veritiero…

Inutile ripetere che già da prima del covid tutto il comparto nazionale (e non…) della pizza era in pieno boom.

Un boom che in certi casi rasenta e oltrepassa l’isteria collettiva, viste le file e il “tutto esaurito” nelle pizzerie di ogni ordine e grado, e non solo nei giorni canonici del weekend & festivi.

Aggiungiamo a tutto questo l’incomprensibile elevare a maître à penser i pizzaioli più mediatici e scaltri nella comunicazione e il cerchio si chiude, ma con l’innegabile merito di aver innalzato di molto il livello qualitativo di buona parte delle pizzerie italiane.

I pizzaioli, checché se ne dica, sono tra le nuove star del momento, con o senza ananas sottobraccio…

Ma, evolvendosi e diffondendosi ancor più capillarmente sia sul territorio che nell’immaginario collettivo degli italiani, la pizza ha imboccato molte strade diverse.

Inutile tentare di elencarle, sono tante e la catalogazione rischia di essere lacunosa e sfuggente e, forse, e qui i puristi gioiranno, tante di queste strade stanno “traslando alcuni modelli di pizza verso un qualcosa di diverso che l’allontana sempre di più dalle sue radici, e non so se queste “cose” fino a quando si potranno chiamare pizza…

A far non considerare più la pizza come un cibo popolare contribuisce anche l’esasperazione e la profusione di una infinità di attestati, coppe, comparsate televisive, gare, presenzialismo degno di miglior causa, pleonastiche acrobazie da circo scambiate da molti per “saper fare bene la pizza” cose queste, quasi sempre condite da tanti paroloni altisonanti che spesso rasentano il nulla.

Già… perché per la gioia di chi fabbrica coppe & targhe, non c’è più un pizzaiolo senza il suo bravo premio, fosse anche un misero attestato o diploma di partecipazione da esporre incorniciato in bella vista nel locale.

Un esercito quello dei pizzaioli ormai con più generali che soldati…

La pizza è ancora un piatto popolare pizza gourmet

Un ultimo aspetto che allontana la pizza dalle sue “radici” popolari e che sta rischiando seriamente di portare tutto il comparto al deragliamento, è il grande fiorire di tutto un intricato sottobosco di consulenti estemporanei (quelli seri e veri ci sono, ma sono pochi…) e comunicatori strepitanti da social “ a gettone”, questi ultimi spesso, con evidenti problemi a vergare o profferire due righe in italiano decente…

Tutta gente per i quali i pizzaioli sono percepiti solo come vacche da mungere o, come un bancomat dalle mani sporche di farina… La pizza è ancora un piatto popolare?

La pizza è ancora un piatto popolare amici e pizza

Così, non c’è più da meravigliarsi se una serata in pizzeria rischia di costare di più di una cena in un ristorante.

Cui Prodest?

La pizza è ancora un piatto popolare?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo messaggio sui cookie non piace a te e non piace a noi di www.gastrodelirio.it, però siamo legalmente obbligati a dirti che li utilizziamo per rendere questo sito usabile. Cliccando con il mouse sopra questo testo presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Leggi di più. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
This site uses cookies - small text files that are placed on your machine to help the site provide a better user experience. In general, cookies are used to retain user preferences, store information for things like shopping carts, and provide anonymised tracking data to third party applications like Google Analytics. As a rule, cookies will make your browsing experience better. However, you may prefer to disable cookies on this site and on others. The most effective way to do this is to disable cookies in your browser. We suggest consulting the Help section of your browser or taking a look at the About Cookies website which offers guidance for all modern browsers
Save settings
Cookies settings