La pizza al carbone vegetale – una cosa francamente inutile…

Ero convinto di essermene liberato, sembrava scomparsa…

La pizza al carbone vegetale.

Un qualcosa che non fa male (neanche bene poi…), ma che è assolutamente inutile per l’umanità se non, e discutibilmente, dal punto di vista estetico.

Detto all’inglese, che fa più figo, activated charcoal pizza dough

pizza al carbone vegetale panetti neri

Per carità, corsi e ricorsi nelle mode ci sono sempre stati, ma non mi aspettavo che solo dopo 7 -10 anni dalla sua effimera comparsa la pizza al carbone vegetale tornasse in auge.

Di questa dimenticabilissima e deleteria moda di ficcare carbonella dentro ogni cosa che lievita (anche pane e prodotti da forno) e oltre, leggi mozzarella, gelati e creme varie, noi di Gastrodelirio al tempo ce ne siamo già occupati leggiqui, qui, e qui

L’aggiunta di carbone vegetale attivo, meglio noto come colorante E 153 dona sì colore nero a quel che viene aggiunto, ma dal punto di vista sensoriale è ininfluente, perché questa sostanza è inodore e insapore.

Punto.

Ripeto: il carbone vegetale non odora di nulla e non sa di nulla, oltretutto legalmente, l’ E153 è classificato negli additivi, e il suo utilizzo come colorante per gli impasti delle pizze è decisamente dubbio, e legalmente soggetto a contrastanti interpretazioni.

Quindi, quando leggo su noti e seguitissimi siti che si occupano di sapori e gastronomia articoli che lodano i particolari (de che?) sentori degli impasti delle pizze impapocchiate con il carbone vegetale attivo, dubito fortemente sulla preparazione tecnica di chi scrive tali corbellerie.

pizza al carbone vegetale particolare di uno spicchio

Anche i presunti effetti benefici alla digestione e all’organismo (leggi meteorismo) sono quasi “bufala”, perché per avere risultati minimamente tangibili, bisognerebbe letteralmente ingozzarsi di prodotti colorati di questa sostanza, con conseguente overdose di carboidrati…

Ma al di là di leggi e regolamenti, e della possibilità legale (o meno…) di utilizzare l’ E153 per colorare gli impasti, lascia sgomenti la vera e propria resurrezione di questo prodotto, utilizzato come un mero specchietto per le allodole.

A fronte di costi irrisori, fa aumentare il prezzo del prodotto finale, poi, e questo è il caso più frequente, distrae il consumatore dalla sensorialita di quel che mangia, spostando (furbescamente) l’attenzione sull’aspetto cromatico a scapito di quello sensoriale.

pizza al carbone vegetale

Ma c’è proprio bisogno di mezzucci come questo per rendere più interessante una pizza?

Aspetto con ansia una bella pizza al Puffo, alias azzurina.

Magari, qualcuno l’ha già fatta…

P.S. – Mai fatto caso al fatto che nelle pizze imbottite di carbone vegetale è anche più difficile stabilire se ci sono bruciacchiature o meno?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.