Barranco Oscuro Brut Nature

cropped-20090416_logo_barranco_oscuro_300x60

Di Riccardo Ferrante

Barranco Oscuro è un produttore artigianale nel vero senso della parola. Integralista possiamo dire, senza scorciatoie. Solo bevendo i suoi vini possiamo capire fino in fondo il significato di questi aggettivi.

Questo Brut Nature  è sfacciatamente imperfetto quanto ottimo, di una beva sorprendentemente facile nonostante ci si trovi di fronte a un vino con una volatile che spicca, una ossidazione ingombrante ma per nulla fastidiosa e una nota di mandorla da vino di porto bianco. Detta così posso anche spaventarvi, ma credetemi…  è un vino incredibilmente buono, fatto di contrasti che a ogni sorso state lì estraniati da tutto e da tutti a chiedersi come sia possibile fare un metodo classico di questa fattura. E pure è così. etq_brut_2008
Prodotto in Andalusia da uve Vigiriega da un vigneto povero di suolo fatto di pietre e argilla a più di 1000 metri di altitudine. Già alla nascita estremo e destinato a non contraddire la sua origine. Rifermentato naturalmente in bottiglia con mosto fresco ricavato da uve lasciate appassire in piante fino a dicembre, al vino base non viene aggiunto liqueur de tirage, ossia zucchero e lieviti selezionati e una volta sboccato dopo circa 24 mesi viene fatto il rabbocco senza liqueur d’expedition.

So2 totale 2 ml/litro questa è la sua stretta di mano appena lo si conosce. Prendere o lasciare.  Appena aperto aperto lo trovi pieno di difetti ma poi diventa uno dei tuoi vini preferiti.  In quattro persone ci vogliono quattro bottiglie, 16 filetti di acciughe del cantabrico e 100 grammi di burro semi salato. Fate vobis. Io l’ho fatto!

Riccardo Ferrante

A proposito di Riccardo Ferrante

Riccardo Ferrante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*