Come sta la cucina Italiana? Bene, abbastanza bene direi!

Ecco la risposta dopo aver tastato il polso alle nuove leve della cucina nazionale partecipando come giurato a Emergente Chef 2023, l’ormai consueta kermesse organizzata dalla Witaly di Luigi Cremona e Lorenza Vitali che quest’anno ha fatto tappa nella bella e funzionale location dell’ Università dei sapori di Perugia, per le selezioni centro e sud Italia.

 

 

                       Ben 19 Chef in gara. Come sta la cucina Italiana

Trentotto piatti per una impegnativa due giorni di assaggi che ha decretato i quattro più bravi.

Vincenzo Russo (Trigu a Sassari), Francesca Barone (Fattoria delle Torri a Modica Rg), Riccardo Foglietti (Acquaforte del Grand Hotel San Gemini – Tr) e Simone D’Aluisio (Une a Capodaqua – Perugia) che insieme ai vincitori della selezione centro e nord, nella primavera del 2013 parteciperanno presso la prestigiosa scuola di cucina ALMA di Colorno (PR) alla finalissima di Emergente 2023.

Così… sotto gli occhi attenti della giuria sono sfilati tanti piatti, buoni e meno buoni

come sta la cucina italiana emergente 2023 giurato al lavoro università dei sapori Perugia

Idee e preparazioni creative o all’opposto più classiche, gomito a gomito con esperimenti sensoriali che hanno regalato luminosi sprazzi di genialità, ma anche qualche sterile esercizio di stile.

Ma… tutti piatti che depurati dalla giustificabile “ansia da prestazione”, hanno evidenziano bella tecnica, attenzione al territorio e buona, e in alcuni casi ottima, padronanza dei meccanismi della costruzione del gusto.

Trentotto piatti e trentotto storie che ci anticipano dove andrà e cosa sarà la cucina italiana dei prossimi anni.

Emergente 2023 Witaly

come sta la cucina italiana Luigi cremona e Chiara comparozzi emergente 2023 università del gusto Perugia
Luigi Cremona e Chiara Comparozzi

Kermesse consolidata e dalla meritata aura di prestigio che, pur con le dovute concessioni alla spettacolarità e alla comunicazione, continua sempre a decretare chi realmente sono (e saranno) i migliori.

Oltretutto, con il gran merito di non aver capitolato alle sirene dell’abuso di un certo tipo di comunicazione “sguaiata” che, negli ultimi anni pare contraddistinguere il mondo del cibo nazionale.

Non è il caso di Emergente

Come sta la cucina italiana schede giuria chef emergente 2023 università dei sapori perugia

Altro grande merito di Emergente è quello di essere un catalizzatore di persone, idee e tendenze.

Lavorare gomito a gomito in occasioni come questa di Perugia, conoscendosi e apprezzandosi reciprocamente è cosa preziosa e presupposto anche per provare a fare rete, condividendo idee, tecniche e intuizioni.

Si: il sapere, e questo vale per qualsiasi branca dello scibile umano, cucina inclusa, non deve essere fine a se stesso, ma deve essere sempre e comunque condiviso.

Come sta la cucina italiana emergente 2023 università dei sapori perugia collage

Ci vediamo tutti a Colorno per la finalissima di Emergente 2023!

Evviva!

come sta la cucina italiana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.