Le Vallon 2014 Domaine Henri Milan Le Vallon 2014 Domaine Henri Milan - Gastrodelirio

Le Vallon 2014 Domaine Henri Milan

Seguici
fb-share-icon0
0
fb-share-icon0

E’ tutta colpa di Henri Milan!

 Si: lui è stato uno di quelli che mi hanno fatto guadare, per ora senza ritorno, il Rubicone enoico che separa i vini naturali dai convenzionali

Si: perché Henri Milan, vignaiolo provenzale fuori da ogni schema, è la personificazione del vino, ma di quello senza luccichìi e piedistalli, e senza puzza al naso (non solo metaforicamente), e che nell’identità territoriale ha la sua lama più affilata, in una visione intrinsecamente artigianale del mestiere.

Henri Milan a vini di vignaioli Roma qualche anno addietro
Henri Milan a vini di vignaioli Roma qualche anno addietro…

Istintivo, anarchico e un po’ “gigione” Henri Milan, già solo per l’immane talento datogli in dote, che accompagna la modestia sincera di chi pare nato per portare rispetto al prossimo e, se avrete la fortuna di incontrarlo, racconterà dei suoi vini in un personalissimo ed appassionatissimo grammelot di lingue che avrebbe fatto impazzire Dario Fo, dove c’è posto perfino per l’italiano!

Le sue vinificazioni sono l’esatto contrario del trito stereotipo dei “vini naturali” che puzzano, pieni di difetti etc etc.

No, i suoi sono solo vini maledettamente identitari, ma anche di una correttezza esemplare, dove però lo scoppiettante corredo sensoriale spazia ben oltre i canonici 360°.

Le Vallon 2014 Henri milan etichetta retro

Si, perché l’identità si forgia con la capacità di essere riconoscibili per l’indirizzo del proprio cammino, un po’ come un cantante che già riconosci dalla prima nota…

Così è stato per il suo Le Vallon 2014, Grenache Noir, Cinsault (in Italia noto come Ottaviano o Ottavianello…), Mourvèdre, Cabernet Sauvignon che appena assaggiato non poteva che essere di Henri Milan.

Le vallon 2014 Henri Milan bottiglia etichetta fronte

Davvero un concentrato in sedicesimi di sole, piacevolezza e Provenza, però, a fronte di un corpo “tosto”, cromaticamente nel calice non non c’è un rosso altrettanto intenso, anzi.

Il biglietto da visita olfattivo di Le Vallon 2014 è fatto da una pioggia di tanti mirtilli, da folate di calda macchia mediterranea e curiosi richiami di olive nere, molto mature…

In bocca invece scivola bene denso e avvolgente, a tratti un po’ “resinoso”, nell’accezione ellenica di un tempo…

Però il bonus che te lo fa amare arriva con la bella e chiara trama dei netti tannini che, come arcigni soldatini, sorreggono e vigilano l’equilibrio del tutto, senza dimenticare la buona acidità, chiave di volta di questo vino, che allunga ulteriormente un finale già di per sé lungo e godurioso.

Se non avete a portata di mano un campo di lavanda provenzale non fa niente, il Le Vallon 2014 è bello da bere anche così com’è, perfino senza accompagnamento cibario, ma lentamente, logicamente meglio se in compagnia.

Le Vallon 2014 Henri Milan calice in enoteca

Unici requisiti: nessun eno-paraocchio, poco rumore e un cuore sensibile a un bel tramonto, per gioire di un calice di qualcosa che è molto di più di qualche attimo di fuggevole felicità.

Si, davvero un gran bel rosso…

L’attimo fuggiva, oh, che altro può fare un attimo?”
Carlo Emilio Gadda


Domaine Milan

941 Ancienne Voie Aurelia, 13210 Saint-Rémy-de-Provence, Francia

Tel. +33 490 92 12 52

https://www.domaine-milan.com/en/

contact@domaine-milan.com

Per chi ne vuol sapere di più… https://www.triplea.it/it/produttori-vino/domaine-milan/domaine-milan-41.html

Seguici
fb-share-icon0
0
fb-share-icon0

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.