Le zeste di agrumi – l’ennesimo tormentone…

Come al solito un articolo che pochissimi leggeranno… eh si, non ci sono troppe figure, e 445 parole sono impresa ardua per l’italiano medio! 

Ma… perché, e questo con inquietante ciclicità, il mondo del food italiano sforna una così grande quantità di tormentoni lessicali?

Biecamente e talvolta inutilmente usati, ho il sospetto che siano solo ri-edizioni moderne del “latinorum” di Don Abbondio.

Così, questa volta in miei strali sono per un “qualcosa ormai approdato anche nei peggiori bar di Caracas, che porta il nome di Zeste.

zeste di agrumi limone appena fatto in scorze

Zeste

Prima di tutto, da dove arriva questo termine vagamente esotico di ardua pronuncia per bresciani e bergamaschi?

Non sono un linguista, ma per prima cosa bisogna guardare alla Francia dove, nella lingua di Molière il termine zeste ha più significati.

«zeste d’un citron» sta per scorza di limone, ma indica anche una fettina dello stesso.

«avec un petit zeste» significa parecchie cose che in Italiano si riassumono (più o meno) in “un pizzico di…”, mentre «cela ne vaut pas un zeste» a seconda del contesto assume più significati, compreso… “vale poco o niente”, un po’ come a Genova e dintorni con termine “scabeccio”, appioppato ad ogni cosa (e persona…) di non grande pregio.

zeste di agrumi con rigalimoni in primo piano


Però, anche in inglese zest (ma senza la “E” finale) designa la parte colorata della scorza di agrume, ma indica pure un gusto, entusiasmo, un profumo o un aroma, e… nei negozi di casalinghi del Cheshire è comune trovare i lemon zester, in italiano rigalimoni.

Ma vivaddio, se proprio dobbiamo ficcare scorze & scorzette di agrume in ogni cosa commestibile, e non perché sono autarchico (tutt’altro!), in italiano abbiamo il bel termine scorza di arancio, limone etc etc…

No, c’è poco da fare!

Lo Zeste (o zest) evoca atmosfere esotiche, e diciamocela tutta, anche un po’ “fighetto-esoteriche”, che di ‘sti tempi non guasta, poi, il nostrano “scorzamica permette di aumentare di qualche euro il prezzo del piatto (pizza, piadina etc etc) che lo contiene...

zeste di agrumi taglio dei limoni e mano in primo piano

Volete mettere chi sulle temibilissime “piadine gourmet” ci piazza le “Zeste di cedro Bio del libano con chi, infimo provinciale come il sottoscritto preferisce le nostrane scorze di limone, magari sicule o di Sorrento?

Si, come al solito in Italia siamo lestissimi ad impadronirci lessicalmente di tutto un po’, ma restii a introitarne la vera sostanza, perché troppe zeste di agrumi, ormai assurte al ruolo di tormentone, sono cinofallicamente piazzate dove sensorialmente non c’azzeccano proprio nulla con il resto del piatto, creando pasticci gustativi mica da poco!

Però… zeste fa figo!

Si, proprio come il latinorum di Don Abbondio…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.