Non mi avvalgo della virtù cristiana del perdono…

Non mi avvalgo della virtù cristiana del perdono, anzi, ancor più per queste categorie: 

Non mi avvalgo della virtù cristiana del perdono mano con fiore

  • I fautori del panettone senza uvetta (e altro…), che non è più un panettone, ma il cognato citrullo del pandoro.

  • Chi pratica l’escissione rituale del grasso del prosciutto per non meglio precisate fisime dietetico-salutiste, mascherate da “libera scelta”.

  • I “critici gastronomici” non onnivori. Purtroppo esistono.

  • Gli adepti alla setta del pesto senza aglio, triste poltiglia verdastra che a fatica sa di basilico, ma consente baci alla francese quasi asettici.

  • I tifosi del cornicione della pizza scartato. Chissà qual’è a riguardo l’opinione dei pizzaioli “canottieri”.

  • Certi “critici gastronomici” bravissimi a vergar fiumi di parole “alatesu qualsiasi cosa, senza però curarsi di dire con chiarezza se il tutto gli piace o meno, oppure se sa di qualcosa…

  • Gli appassionati dei formaggi sempre “più magri”, che oltre essere un ossimoro caseario, quasi sempre non sanno di nulla.

  • I disgraziati che osano bere i vini blu.

  • Quelli che con la temibile voce “Prosecchino” indicano qualsiasi liquido effervescente giallino addizionato con aromi & alcol, anche se prodotto a VattelaPesca di sotto nel territorio di Lampedusa.

  • Gli estremisti del latte magro, scremato, sgrassato, spremuto e senza un sacco di robe, che alla fine, che ci resta?

  • Gli esterofili dei nomi del cibo, alias quelli che un controfiletto o una lombata gli fanno schifo, mentre sbavano per una entrecote che tutto sommato è la stessa roba.

  • Chi toglie le ciliegine dai pasticcini perchè gli fanno “senso” .

  • Quelli che fanno regolarmente scuocere la pasta, o all’opposto la servono “rigida”, perché i tempi di cottura li fanno “a occhio” come la nonna.

  • Gli infelici che se di un piatto non ne esiste una versione “destrutturata” si immalinconiscono.

  • I frettolosi che hanno l’ardore di mangiare le pizze surgelate del discount, trovandole perfino appetitose.

    Non mi avvalgo della virtù cristiana del perdono cecco angiolieri

A tutti coloro che si riconoscono almeno in una di queste queste categorie, per i quali è già pronto, bello caldo caldo e con tanti posti liberi, un cerchio dell’inferno extra, il decimo, regalo un consiglio, spassionato…

Non mi avvalgo della virtù cristiana del perdono diavolessa in azione

Tagliate la testa al toro e datevi al respirianesimo!

Non sapete cos’è?

E’ il non mangiare sostanze né solide né liquide, limitandosi a bere solo acqua e soprattutto a respirare, nutrendosi così solo attraverso l’olfatto con gli atomi che compongono la materia circostante.

Un gran bel “manicaretto”.

Punto.

Non mi avvalgo della virtù cristiana del perdono

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.