Domaine de Majas Chenin

Indovina chi viene a cena…

No: non ci sono ne’ Spencer Tracy e Sidney Poitier, ne’ Katharine Hepburn…

Mannaggia…

A cena un amico autoproduttore casalingo di pesto filo-ligure, una serata tra amici senza troppe pretese e senza intenzione di tirar troppo tardi.

Stanco degli scialbi vinetti senza nerbo che negli ultimi tempi hanno molestato i miei sensi, molti purtroppo fregiati del titolo di “naturali” – i cosiddetti “naturalini” – penso che è la sera giusta per tirar fuori dalla “cantinetta dinamica” (molto!) di casa Gastrodelirio qualcosa di serio e buono.

C’è uno Chenin che brama il suo turno, beh… dovrebbe stare benino con il pesto!

Partiamo da un assunto: adoro tutti i vini figli di questo vitigno, e per quel che so, di Chenin in Italia non c’è , o se c’è ce ne è pochissimo.

Non ho la puzza al naso per i cosiddetti vitigni internazionali, ma, dannazione: almeno lo Chenin lasciatemelo in Francia, per essere più precisi nella Valle della Loira dove è di casa, e dove dimora anche un certo Nicolas Joly.

Se non sapete chi è informatevi!

Parliamo di un pioniere della biodinamica, ma anche di chi ha creato una leggenda con un vino da uve Chenin blanc al 100%, il Clos de la Coulée de Serrant, ormai pietra di paragone per ogni Chenin che si rispetti.

Quasi tutti i vini da Chenin fatti come si deve, cioè senza essere stuprati in cantina dalle più svariate enoporcate, oppure avvelenati già in vigna, di default sono acidi, non come il vetril ma talvolta ci si avvicinano, il che consente invecchiamenti “seri” e risultati sensoriali degni di nota.

Questo, per spiegare al “popolo” che, lo Chenin blanc oltre a ben titillare il velopendulo di chi lo apprezza, ha nobili natali e, viste le sue peculiarità territoriali, la cosa migliore (cambiamenti climatici a parte) è di lasciarlo lì dove è di casa come un pisello nel suo baccello, cioè nella Valle della Loira, anche se pare che oltreoceano e in SudAfrica si è trovato niente male…

Domaine de Majas Chenin by Majas 2022

Il tempo di stappare il Domaine de Majas Chenin by Majas 2022 e subito un salutare ceffone sensoriale fa svolazzare le farfalle allegre in pancia, nonostante sia ancora (troppo forse…) freddo di frigorifero.

Al calice sfoggia un bel giallo con qualche riflesso dorato, mentre al naso parte subito in quarta con una vera e propria sventagliata di fiori di campo, un buon agrumato, sentori di pietra marina e sottotraccia un fondo di erba, per non dire delle ben leggibili note di mela acerba e zenzero.

Al palato da subito avvolge senza invadere. Vibra dolcemente.

Profondo, ricco e dal bel frutto maturo, anzi: surmaturo, viste anche le chiare sensazioni di susine e qualche cenno di frutta tropicale.

Domaine de Majas Chenin by Majas 2022 bottiglia e calice

Il finale è lungo, multiforme e indiscutibilmente persistente, con la bella sapidità che, con l’evoluzione, lascia spazio anche a un tocco di qualcosa che (forse…) ricorda il mare, così, giusto per ringalluzzire i sensi…

Palpitante e di carattere, il Domaine de Majas Chenin by Majas 2022 dissemina golose saette di bello ai sensi come cupido scaglia frecce d’amore, ed è proprio e specialmente per questo che è un vino tassativamente da godere d’istinto, per il suo multiforme corredo sensoriale che si imprime indelebilmente nella memoria, senza inutili manfrine e superflui tecnicismi da spocchiosi eno-iniziati.

Tutto il resto, è scritto nell’etichetta!

Domaine de Majas Chenin by Majas 2022 etichetta retro

Da bere, come già scritto prima non a temperature artiche ma appena fresco, magari proprio con una pasta al pesto, oppure accostandolo a pesci non troppo grassi o molluschi, entrambi rigorosamente in bianco, ma è affascinante anche così com’è, centellinato con calma, magari leggendo un buon libro (cosa che non fa quasi più nessuno…).

Perché no?


DOMAINE DE MAJAS

21 Rue de la Bartasse

66220 – Caudiès-de-Fenouillèdes, Francia

Tel: +33 468599441

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo messaggio sui cookie non piace a te e non piace a noi di www.gastrodelirio.it, però siamo legalmente obbligati a dirti che li utilizziamo per rendere questo sito usabile. Cliccando con il mouse sopra questo testo presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Leggi di più. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
This site uses cookies - small text files that are placed on your machine to help the site provide a better user experience. In general, cookies are used to retain user preferences, store information for things like shopping carts, and provide anonymised tracking data to third party applications like Google Analytics. As a rule, cookies will make your browsing experience better. However, you may prefer to disable cookies on this site and on others. The most effective way to do this is to disable cookies in your browser. We suggest consulting the Help section of your browser or taking a look at the About Cookies website which offers guidance for all modern browsers
Save settings
Cookies settings