Classico Ristorante contemporaneo a Napoli – Cambio di testimone…

Già scritto, e in più occasioni: pranzi e cene a più mani sono un rischio.

La “fusione a freddo” di più idee di cucina, con il rischio di annullarsi a vicenda, o peggio ancora di creare confusione sensoriale per chi è in tavola, se non si trova in precedenza un fil rouge comune, c’è…

È per questo che di solito le frequento poco e, meno ancora le commento, però ogni tanto mi imbatto in qualche eccezione degna di essere raccontata, come in questo caso, perché, perdonatemi la forzatura, oltre che un (ottimo) pranzo, è stato un un passaggio di testimone tra chi è tra i fornelli di questo locale, ormai “consolidato” nella sua identità.

Il luogo, è il ristorante “classico” a Napoli.

Classico ristorante contemporaneo Napoli ingresso

Un curato, confortevole e raccolto angolo di quiete e buon gusto nel quartiere Chiaia, poco lontano dall’omonima riviera ma, anche pochi passi da uno dei “salotti buoni” della città, Piazza dei Martiri.

Ambiente godevole ma, affatto ingessato.

Simone Profeta, barbone folto, aspetto bonario e il phisique du role che ci si aspetta da un cuoco vero, quasi come quelli di una volta, già “traslocato” al ristorante ES del wine resort dell’azienda vitivinicola Fino a Manduria (TA), ha ufficialmente passato il testimone a Dilip Lakmal Roche (si scrive proprio così?) giovane e timido chef srilankese con papà al seguito, ormai napoletano di adozione.

Classico Ristorante Contemporaneo Napoli con Simone profeta e Dilip Lakmal Roche
Con Simone Profeta e Dilip Lakmal Roche

Cosa è successo mischiando due culture?

L’ennesimo e sorprendente incanto di un mondo gastronomico sempre più votato all’arcobaleno.

Zero antagonismi, nessuna voglia di “mostrare i muscoli”.

I due chef hanno incarnato, anche se per un giorno, lo spirito che più prediligo che è quello di divertirsi, facendo divertire anche noi ai tavoli.

Indi… cosa inserire nel reparto “bei ricordi” di questo pranzo di bei sapori e non indifferenti svolazzi di cucina colta? 

Arduo assegnare il podio più alto, però lasciatemelo dire: il “classico” e ormai iconico spaghettone allo Scarpariello del Vesuvio di Simone Profeta, resta sempre un luminoso e saporito esempio di come si può e si deve coniugare a dovere classe, godimento, sapori e consistenze.

Ma, anche lo stracotto di manzo con morbido di patate e friarielli, trova la sua ben studiata quadra nel bel gioco tra l’amaro del vegetale e le suadenze della saporitissima carne e del suo intingolo…

Il testimone passa di mano correttamente perché non da meno sono, l’ottimo (aggettivo che su www.Gastrodelirio.it si usa in dosi omeopatiche) cappellaccio ripieno alla genovese (ecco che torna il piatto feticcio, evviva!) e a fine pasto la crostatina al cremoso di cioccolato bianco, mango candito e passion fruit entrambi di .

Simone Profeta – natali nella vicina Portici.

Tecnicamente ed esperienzialmente preparatissimo e dalle non celate ambizioni, declina (non da ora…) una sua peculiare cucina fatta di ingredienti, mestiere e istinto.

I suoi piatti appaiono come macchie di sapore, fiammate di idee e stimoli che arrivano da lontano, molto.

Poi, invece li assaggi, e tutto si illumina del bello della semplicità.

Una cucina all’apparenza nel solco di quel che accade tra i fornelli italiani nel 2024, ma che in realtà rompe molti assunti, visto come è disegnata e messa in pratica, con una gran dose di laicismo.

Dilip Lakmal Roche – tra sbuffi di spezie e un immenso amore per la cucina (qualsiasi essa sia), arriva a Napoli dallo Sri Lanka, nel 2012. Classico Ristorante contemporaneo 

Una predilezione affatto celata per quel feticcio della cucina partenopea che è la genovese. 

Classico Ristorante Contemporaneo Napoli Dilip Lakmal Roche

Nonostante la timidezza celata dietro un sorriso, ostenta l’esperienza di un giovane veterano sia nelle idee sia nella realizzazione dei suoi piatti.

Piglio contemporaneo e tecnica, per una condivisibile idea di cucina, che partendo dall’indelebile imprinting di Profeta, potrebbe approdare (e approderà ancor di più, ne sono sicuro) verso quel tipo di rotondità sensoriali mediterranee che piacciono a noi italiani. Classico Ristorante contemporaneo 


P.S – Grazie alla brava Laura Gambacorta per l’invito, da invidia!

Classico Ristorante Contemporaneo

Vicolo Santa Maria Cappella Vecchia, 46,  – 80121 – Napoli

Tel. 081 245 1144 – Chiuso il lunedì

https://www.classicoristoranteitaliano.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo messaggio sui cookie non piace a te e non piace a noi di www.gastrodelirio.it, però siamo legalmente obbligati a dirti che li utilizziamo per rendere questo sito usabile. Cliccando con il mouse sopra questo testo presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Leggi di più. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
This site uses cookies - small text files that are placed on your machine to help the site provide a better user experience. In general, cookies are used to retain user preferences, store information for things like shopping carts, and provide anonymised tracking data to third party applications like Google Analytics. As a rule, cookies will make your browsing experience better. However, you may prefer to disable cookies on this site and on others. The most effective way to do this is to disable cookies in your browser. We suggest consulting the Help section of your browser or taking a look at the About Cookies website which offers guidance for all modern browsers
Save settings
Cookies settings