Pillole Gastrodegustative – 1

Di Fabio Riccio,

Se per caso siete stati invitati a una degustazione…

Come prima cosa è sempre bene arrivare all’inizio di una degustazione di cibo con il palato assolutamente sgombro da altri sapori e/o aromi, su questo non si transige.

Quindi, per qualche ora prima del fatidico momento, non mangiate assolutamente nulla a base di cipolla o affini (anche per non molestare i vicini di tavolo!).

Se siete raffreddati o influenzati, rinunciate a partecipate a una degustazione, sarebbe per voi una vera e propria tortura.

Quindi… niente sciroppi per la tosse alla codeina che intorpidiscono il gusto, niente caramelle “strong” da pescatori di merluzzi artici, e se siete fumatori fatevene una ragione: in assoluto niente sigarette, ne’ forti ne’ light.

Da evitare come la peste quelle al mentolo, delle vere e proprie killer del gusto! Logicamente… anche niente sigari.

Un buon toscano è di certo un piacere, ma anche lui narcotizza  il palato, conservatevelo per fine pasto, magari con un buon Calvados.

Proibiti anche tutti gli altri cibi o bevande dai sapori “robusti” e persistenti, come certi cocktail un “agè” dove si fa abbondante uso e abuso di salse “piccantitipo tabasco e affini.

Logicamente proibito anche mangiare finocchi, specialmente se poi oltre degustare cibi, si beve vino.

Vi siete mai chiesti da dove arriva il termine “infinocchiare”?

Pillole Gastrodegustative – 1

Pillole Gastrodegustative

Pillole Gastrodegustative – 1

Pillole Gastrodegustative

Fabio Riccio

A proposito di Fabio Riccio

Fabio Riccio - Interessato da più di venti anni al modo del cibo, crapulone & buongustaio seriale. Dal lontano 1998 collabora come autore alla guida dei ristoranti d'Italia de l'Espresso, ha scritto sulla guida le tavole della birra de l'Epresso, ha collaborato a diverse edizioni della guida Osterie d'Italia dello Slow Sood, ha scritto su Diario della settimana e L'Espresso, e quando capita scrive di cibo un po' ovunque. Infine è ideatore e autore di www.gastrodelirio.it - basta questo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*