Cecio Felicio e Agata Patata

Di Serena Manzoni

Cari i miei gastrolettori, oggi sono presa da una vena melanconica e romantica e, concedetemelo, vi voglio parlare d’amore…

Vi racconterò una storia di amore e morte, di bontà e mito: stringetevi quindi un po’ di più dentro lo scialle o nel più prosaico plaid morbido e caldo dei primi freddi e lasciatevi andare al sentimento.

La vicenda avviene nelle campagne siciliane e narra dell’innamoramento dello svagato e macho Cecio Felicio per la procace e rotondetta Agata Patata. Non manca proprio nulla: la vita da single di Cecio Felicio e la folgorazione alla vista dell’attraente tubero, il primo appuntamento e la timidezza della dichiarazione, il primo bacio. Tutto sembrerebbe condurre al “vissero felici e contenti” se non arrivassero i cattivi… Ed ecco la tragedia e la separazione, il destino crudele che trasforma i nostri in fiocchi di patate e farina di ceci. Avete ragione, è tutto molto triste e quasi quasi avete bisogno di un pezzetto di cioccolato fondente per sopportare tanta disperazione e sciogliere il groppo che vi si è formato in gola, ma pazientate ed abbiate fiducia nel destino. Passa infatti un po’ di tempo e, forza dell’amore quello vero, i nostri due innamorati si ritrovano!

E dove?

In friggitoria…dentro un bel panino, lui in forma di panella e lei? Trasformata in crocchè, e come sennò?

cecio felicio e agata patata

Come Filemone e Bauci, eternamente insieme trasformati in una quercia e in un tiglio, Agata e Felicio sono finalmente uniti, felici e contenti ed, a un certo punto presumibilmente digeriti!

Libretto gustoso di Ernesto Maria Ponte e Salvo Rinaudo, con illustrazioni di Sergio Algozzino, edizioni Arianna scritto in siciliano, ma con traduzione alla fine, vi regala qualche momento di dolcezza e simpatia, oltre ad una voglia irresistibile di un panino a Palermo con panelle e cazzilli!

Per chi non lo sapesse il cazzillo non è altro che una crocchetta di patate che spesso accompagna la panella (frittella di farina di ceci) dentro morbidi panini ricoperti di semi di sesamo, uno dei tanti e notissimi cibi di strada siciliani e in questo caso, per la precisione, palermitani.

Ah…dimenticavo…un grazie di cuore a chi me lo ha regalato e che sa quanto possano essere terribilmente serie le cose dei bimbi.


Cecio Felicio e Agata Patata
di Ernesto Maria ponte e Salvo Rinaudo
Illustrazioni di Sergio Algozzino
Edizioni Arianna
www.edizioniarianna.it
Serena manzoni piccola biblioteca gastrodelirante

3 commenti su “Cecio Felicio e Agata Patata”

  1. Un librettino semplicemente delizioso… e scritto con grazia di altri tempi. Non solo per noi siciliani, ma per chiunque!
    Evviva le panelle!

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.