Bezigon & Co 2019 di Jean Christophe Garnier un grande Chenin!

Nel mondo del vino naturale tra consumatore e produttore vige un tacito accordo simile al britannico gentlemen’s agreement (letteralmente “accordo fra gentiluomini”), patto informale tra due parti, generalmente solo verbale.

E’ basato sul presupposto che entrambe le parti si atterranno alla parola data sul proprio onore in quanto, a differenza di un contratto formale, il gentlemen’s agreement non può essere difeso giudizialmente.

In parole povere, io produttore ti assicuro che il vino lo faccio “naturale”, e tu consumatore ti fidi.

Bello eh?

Tralasciando qualche mela marcia che anche nel mondo del naturale inizia a fare capolino, è un patto che funziona, proprio come in questo caso con il Bezigon & Co di Jean Christophe Garnier, uno Chenin blanc in purezza che lascia davvero il segno, frutto di due eterogenee parcelle di terreno nella Loira.

Giallo quasi dorato in calice a dispetto delle luci balorde, al naso parte con chiare ma sommesse note di miele, lavanda, ginestre e di fiori di campo. bezigon & Co

Bezigon & Co chenin Jean Christophe Garnier etichetta in primo piano

Con l’evoluzione, sottotraccia si intrufolano refoli di frutta matura, mela cotogna e paglia, secondo alcuni segni distintivi degli Chenin della Loira che, come i loro confratelli sparsi per il mondo, sono assai precoci e per questo da maneggiare con cura…

Al palato il Bezigon & Co 2019 è ammiccante, morbido e avvolgente, con un sorso minerale e fresco senza sbavature e di grande eleganza.

Il finale è lungo e indiscutibilmente piacevole.

Altra frutta, questa volta tropicale bussa alla porta, e lingua e palato finiscono per danzare tra le note verdi e acide che stuzzicano e movimentano l’insieme.

Bezigon & Co 2019 di Jean Christophe Garnier calici e bottiglia

Non da sminuire i piacevoli cenni ossidativi, ben integrati nella trama sensoriale di questo vino che, sorpresa finale, finiscono per andare a braccetto con dei cenni di anice spuntati da chissà dove…

In cantina e in vigna nessuna aggiunta di nulla, solo il “buon manico” e l’esperienza di chi lo fa…

Un vino praticamente “nudo”, dove i lieviti sono rigidamente indigeni, e quel minimo di tecnologia assolutamente non invasiva e cosmetica serve solo a non correre il rischio di buttar via il tutto anzitempo, senza traccia alcuna delle tante enoporcate ammesse per legge, purtroppo anche oltralpe.

In definitiva, nonostante l’apparente linearità che rende il Bezigon & Co 2019 godibile e accessibile a chiunque, siamo di fronte a un qualcosa che non merita assolutamente un consumo frettoloso e distratto.

Bezigon & Co 2019 di Jean Christophe Garnier
Jean Christophe Garnier – Immagine da facebook

Il gran bagaglio di stimoli sensoriali, soprattutto quelli sottotraccia, e le emozioni ben articolate che sfoggia già ora, credo siano foriere a qualche anno ancora di invecchiamento.

Però, prima di servirlo, occhio alla temperatura, perché a dispetto di certi sacri canoni dell’enologia, il meglio qui si esprime sui 15° – 16°! bezigon & Co

Provare per credere….


Garnier Jean-Christophe

Rue du Val d’Hyrome,

49750 Val-du-Layon – France

Tel. +33 241789028  bezigon & Co

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.