Enofrigo – Pillole gastrodegustative

Di Fabio Riccio

Ristorante che non conoscete. Oltre mangiare volete anche bere, Pillole Gastrodegustative – Enofrigopossibilmente bene. Ormai quasi tutti i locali di qualche pretesa, hanno almeno un Enofrigo® (o similari) in sala. Beh… un occhio alla vetrina di questo utile strumento è sempre opportuno darlo e, per più motivi.

Il primo, scontato, è il vedere che vini ci sono senza consultare la carta. Il secondo, più importante è quello di “spiare” se i vini sono ben conservati o meno. Malauguratamente più di un ristoratore usa l’Enofrigo® come succursale dei frigoriferi di cucina. Se poi all’interno adocchiate cose che non sono vino, o altri alcolici, il ristorante marca decisamente male.

EnofrigoSe poi, siete così sfortunati di capitare dove le bottiglie aperte in precedenza per chi vuole bere a calice, sono conservate con tappi approssimativi, o proprio senza tappo… beh, è il caso di cambiate ristorante, o pasteggiare ad acqua, è meglio.

Pillole Gastrodegustative

Fabio Riccio

A proposito di Fabio Riccio

Fabio Riccio - Interessato da più di venti anni al modo del cibo, crapulone & buongustaio seriale. Dal lontano 1998 collabora come autore alla guida dei ristoranti d'Italia de l'Espresso, ha scritto sulla guida le tavole della birra de l'Epresso, ha collaborato a diverse edizioni della guida Osterie d'Italia dello Slow Sood, ha scritto su Diario della settimana e L'Espresso, e quando capita scrive di cibo un po' ovunque. Infine è ideatore e autore di www.gastrodelirio.it - basta questo?

One Reply to “Enofrigo – Pillole gastrodegustative”

  1. In effetti in più di un ristorante dentri i vari enofrigo ci capita di tutto… passi per gli scontati limoncello e nocino, ma ho anche visto conservare dentro formaggi e bottiglie di aceto balsamico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*