Barbera Vègè

Di Fabio Riccio

Di solito non amo usare Gastrodelirio per faccende personali o per mero esibizionismo, anzi.

Però questa volta voglio (quasi letteralmente) usare Gastrodelirio per lanciare un mio messaggio nella bottiglia. Si, parlo proprio di una bottiglia.

Una bottiglia ritrovata fortuitamente mentre cercavo di liberare un mio negletto garage-ripostiglio dalle mille e più inutili cianfrusaglie accumulate negli ultimi 30 anni.

Bottiglia che mi si è palesata in perfetto (almeno esteriore…) stato di conservazione.

Barbera VègèMa non parlo di grande marchio, o di un ritrovamento di un rarissimo Bordeaux di qualche sperduto Chateau francese, no: ho semplicemente ritrovato una bottiglia di Barbera Vègè annata 1968

Forse quelli con qualche anno sulle spalle ricorderanno i negozietti Vègè che punteggiavano città e paesi d’Italia. Il marchio pare esista ancora, e dopo un vortice di acquisizioni e passaggi, pare essere ricomparso  nel panorama commerciale Italiano.

Quando negli anni ‘70 del secolo scorso i punti vendita a marchio Vègè (in genere negozietti associati) erano molto diffusi, una loro peculiarità era il trovare molti prodotti marchiati… “Vègè”.

Come considerazione personale aggiungo anche che da adolescente, amavo moltissimo raccogliere i punti Vègè (qualcuno se li ricorda???) che sembravano piccoli francobolli, per poi conquistare il diritto ad avere in regalo la classica padella multiuso, o il set di lenzuola, logicamente di presunto quasi-puro-cotone.

Anche la bottiglia ritrovata in effetti era uno dei prodotti “brandizzatiVègè, ma in realtà la Barbera Vègè era prodotta dalla ditta Fiore A.C. Di Castagnole Lanze (AT).

Googlando un po’ in rete non è che ho trovato molto di questa azienda, a parte che sembra ancora Barbera Vègèesistere come “ingrossosotto la voceFiore Antica Casa sempre a Castagnole Lanze (ma non ha sito internet), come anche esiste un B & B Antica casa Fiore www.anticacasafiore.com

Altre tracce della ditta dei fratelli Fiore (Giuseppe, Edoardo e Federico), è stata la consegna del prestigioso riconoscimento di “Giusti tra le Nazioni” avvenuto a Castagnole Lanze il 26 maggio 2013 nella sala consiliare del municipio, riconoscimento dato a cittadini che si sono distinti per atti di altruismo e coraggio nell’aiutare alcune famiglie ebree sfollate durante il drammatico periodo della seconda guerra mondiale.

I titolari della ditta Fiore Antica Casa, avevano coraggiosamente nascosto la famiglia di Augusto Segre in una casa di loro proprietà, non appena avuto avviso dell’imminente loro arresto e deportazione. Nel contempo avevano anche offerto rifugio alla famiglia di Lelio Segre, fratello di Augusto ed impiegato nella stessa ditta, in un locale sito nei pressi del luogo di lavoro

 

Ora, dunque, indi & poscia… chiedo aiuto ai lettori di Gastrodelirio.

Qualcuno sa dirmi o raccontarmi qualcosa di più di questa azienda? Imbottigliano ancora?

Oppure la Barbera Vègè 1968 è stata una meteora dimenticata da tutti?

 

Fabio Riccio

A proposito di Fabio Riccio

Fabio Riccio - Interessato da più di venti anni al modo del cibo, crapulone & buongustaio seriale. Dal lontano 1998 collabora come autore alla guida dei ristoranti d'Italia de l'Espresso, ha scritto sulla guida le tavole della birra de l'Epresso, ha collaborato a diverse edizioni della guida Osterie d'Italia dello Slow Sood, ha scritto su Diario della settimana e L'Espresso, e quando capita scrive di cibo un po' ovunque. Infine è ideatore e autore di www.gastrodelirio.it - basta questo?

3 Replies to “Barbera Vègè”

  1. E… Se invece di conservare la barbera vege’ come un cimelio, si prova a stapparla e si vede se e’ ancora bevibile? Magari poi si mette sul blog dell’esperimento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.