Castinatelli – Piccole manifestazioni crescono…

Festival del moscato e dello spumante a Castinatelli di Futani (SA)

Di Fabio Riccio,

Siamo a quota due.

Si: si è da poco conclusa la seconda edizione del Festival del moscato e dello spumante a Castinatelli di Futani (SA) tenutasi dal 3 al 4 agosto 2017, manifestazione organizzata dalla Pro-Loco Futos in collaborazione con il comune di Futani, il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Fisar ed Edizioni dell’Ippogrifo.

castinatelli festival del moscato logo

Non solo Moscato & spumante dunque…

Il piccolo borgo cilentano, così come lo scorso anno, per due giorni è stato trasformato in un palcoscenico dove il pubblico e i produttori (artigianali) legati al settore agroalimentare della zona si sono confrontati vis a vis.

Il Cilento per quel che riguarda il cibo, e da qualche anno anche per gli amanti del dio Bacco, ha davvero molto da offrire e molto da far conoscere.

Ma… a Castinatelli niente lustrini, nessun effetto speciale, nessun ospite dal nome e dai natali altisonanti, ma solo un borgo, un autentico borgo del Cilento, per buona sorte intatto nella sua vera essenza che, ha ospitato una manifestazione che ormai marca, ed ha marcato “la differenza”.

Perchè questo?

castinatelli festival del moscato cesti

In estate nei piccoli e piccolissimi centri di tutta la penisola fioriscono tante e tante manifestazioni e “sagre” (per queste ultime virgolette d’obbligo) al più mangerecce, diciamocela tutta…

Quando si tratta di mangiare anche i più restii mettono il naso fuori di casa…

Alcune di queste manifestazioni, in special modo quelle che hanno un retroterra e una valenza tradizionale ben consolidata, sono anche eventi interessanti e ben strutturati.

Però, e senza timore di essere smentito, in mia opinione trovo che la maggioranza di queste kermesse, quasi sempre in bilico tra un presunto immaginario contadino “di quando i mulini erano bianchi” e un abuso di tecnologia, si risolvono quasi esclusivamente in grandi mangiate a buon mercato in piazza, magari con sottofondo musicale o con la presenza di qualche animatore.

Per non parlare poi delle nuove e inverosimili sagre dei più improbabili cibi e preparazioni, (due per tutte: la sagra del tortellino organizzata in una cittadina del Molise, quella del panettone party in piena estate in un paese del reatino… sic!)

Siamo di fronte a un nuovo format: la sagra 2.0.

Nell’anno di grazia 2017 l’evoluzione della classica festa di Paese (o di quartiere) è un misto tra una spruzzata di nuove tecnologie, e l’assoluto spregio della territorialità

A Castinatelli è stato diverso, molto diverso.

Per fortuna.

castinatelli festival del moscato scauratieddiA Castinatelli, così come lo scorso anno, si è fatta una sorta didattica “sul campo”, con degustazioni mirate, e poi, si sono assaggiate (e degustate) cose vere.

I produttori del territorio, di qualità e selezionati, erano lì, ben lieti di proporre assaggi e spiegazioni.

Sembrerebbe una cosa scontata, ma non è così, ve lo assicuro.

Il meglio del Cilento era quasi al gran completo, dai bravi artigiani alle impareggiabili massaie che hanno semplicemente proposto negli angoli del paese quello che loro normalmente cucinano, magari i piatti per del giorno di festa…

Polpette di patate, zuppa di fagioli e castagne, panini con il soffritto, minestra strinta, scauratieddi, zeppole fritte, pizza fritta, fichi secchi, pizza nel ruotoe altri che non ricordo, cose semplici ma dannatamente vere.

Buone da fare quasi sempre il bis!

Ora, e senza voler dare giudizi di merito per questa o quell’altra cosa assaggiata, c’è anche da dire che Castinatelli non è un borgo plastificato di quelli ristrutturati in maniera esagerata e poco rispettosa, che si alimenta autoreferenzialmente del suo essere artefattamente bello.

No.

Un borgo senza mura, dall’edilizia modesta e spontanea, racchiuso e delineato dal suo piccolo reticolo di stradine e vicoli, dove il silenzio, i pochi e sommessi rumori e odori delle case, le pietre e qualche mattone sono i veri padroni.

Forse, più dei pochi abitanti che coraggiosamente resistono…

Il borgo è loro però.

Un posto da prendere così com’è, perchè è vivo e non vuol sembrare null’altro che non sia se stesso.

Nessun trucco, nessuna cosmesi.

Niente Radical-chic.

Niente negozietti per turisti di bocca buona.

Assolutamente niente di “modaiolo”.

Solo case e abitanti.

castinatelli festival del moscato fichi secchiTornando al Festival del moscato e dello spumante a Castinatelli, questa edizione 2017 è andata bene, il pubblico ha risposto affollando il borgo dopo il tramonto, e se per la prossima edizione la comunicazione si farà ancor più incisiva, soprattutto per intercettare di più quella fascia di turisti che in estate sono ospiti della costa, la manifestazione non potrà che crescere ulteriormente.

Una ultima nota la voglio dedicare ai bravi produttori di vino presenti alla manifestazione di Castinatelli.

Fermo restando il non voler stilare classifiche o redigere elenchi, con piacere ho osservato tra gli espositori enologici la presenza di ben quattro aziende che nel produrre i propri vini si rifanno (a vario titolo) allo sfumato e ancor non ben delineato mondo del “vino naturale”, argomento molto caro e imprescindibile per noi di gastrodelirio…

Un segno di cambiamento?

Lo spero.

Arrivederci a Castinatelli nel 2018!

Fabio Riccio

A proposito di Fabio Riccio

Fabio Riccio - Interessato da più di venti anni al modo del cibo, crapulone & buongustaio seriale. Dal lontano 1998 collabora come autore alla guida dei ristoranti d'Italia de l'Espresso, ha scritto sulla guida le tavole della birra de l'Epresso, ha collaborato a diverse edizioni della guida Osterie d'Italia dello Slow Sood, ha scritto su Diario della settimana e L'Espresso, e quando capita scrive di cibo un po' ovunque. Infine è ideatore e autore di www.gastrodelirio.it - basta questo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*