Alla scoperta del favoloso mondo della pizza chetogenica

Metti una sera con amici, e nel libero “cazzeggio di qualità” che una bella cena ipercalorica dispone, sento parlare per la prima volta della dieta chetogenica.

Da buon provincialotto per documentarmi chiedo lumi al signor Gooooogle (non ad Alexa perché mi è antipatica), e mi si apre un mondo, il favoloso mondo della dieta & della pizza chetogenica.

Il termine “chetone” è inquietante, pizza chetogenica ancor di più

Pizza chetogenica con salamino

Tutte queste “pizze” (virgolette d’obbligo!) hanno in comune due cose: la mancanza o la residuale presenza di carboidrati, peculiarità di questa dieta, e un aspetto nel migliore dei casi più che deprimente, che spazia dal simil-crostata malriuscita fino all’inquietante (e profana) ostia chetogenica condita alla bell’e meglio a mo’ di pizzettina.

pizza chetogenica primo piano piatto e pizza con vegetali

Ora, non discuto la commestibilità di ‘ste robe e la libertà di ogni essere umano dotato di raziocinio di cibarsene per dimagrire, ci mancherebbe.

Però, appellandomi all’articolo 21 della nostra costituzione, affermo qui, che ste’ robe “chetogeniche” che alcuni sconsiderati osano chiamare “pizze”, non lo sono affatto, e sono un’onta e un disonore al nobile nome della pizza.

Pizza chetogenica margherita fatta con farina di Cavolfiore
Pizza chetogenica margherita di farina di Cavolfiore

Vi spiego perché

Non si può definire pizza un ammasso impapocchiato di farine (e/o fibre) di cocco, lino, acacie, baobab, cavolfiore, mandorle, bambù, psillio e altre diavolerie, con aggiunta di uova e grassi alimentari di strane origini per tenere il tutto insieme, e che talvolta non passa neanche per il forno.

pizza chetogenica con farina di cocco trancio
Pizza chetogenica con farina di cocco

E’ troppo, è un obbrobrio, almeno, chiamatela in altro modo!

Soluzione: visto che i carboidrati sono banditi dalle diete chetogeniche, non è meglio rinunciare alla pizza (quella vera) e farsene una ragione, almeno per il periodo della dieta?

Dopo, si vedrà.

Punto.

Le pizze chetogeniche, sorvolando sull’inquietante pateracchio lessicale del termine, anche nel migliore dei casi non sapranno mai di pizza, e chi afferma il contrario, avrà di sicuro il palato foderato di carta vetrata.

Pizza chetogenica con base di farine di bambù, psillio e lino

Alla fine, la pizza chetogenica è solo l’ennesimo mezzuccio consolatorio figlio del vorrei ma non posso.

E’ uno stato mentale che a fronte di qualsivoglia privazione, per “addolcire” il necessario sacrificio, porta a inventare improbabili simulacri di ogni cosa che si desidera ma non si può toccare… con il bonus di appioppargli sempre un aggettivo, in questo caso “chetonico”.

In parole povere, solo tristi e meste parodie, in questo caso della pizza vera e propria.

Fossi una pizza mi sentirei mortalmente offeso…

Pizza Chetogenica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.