Giammarco Angelilli – Diario di bordo…

Non mi stancherò mai di ripeterlo… le maglie di www.gastrodelirio.it sono strette. Lo erano già in passato, e ora lo sono ancor di più, perché qui facciamo critica e non comunicazione, due cose diverse, molto

Pochi, decisamente pochi articoli, ben meditati e possibilmente scansando il rischio di cadere nell’agiografico o peggio ancora nelle cosiddette “marchette” (palesi o mascherate), ormai la regola quando si legge di cibo, vino, prodotti, ristorazione e di tutto quel che ci gira intorno.

Così, quando qui leggete articoli su una specifica persona, vino, prodotto, luogo di bevute e/o ristorazione, è semplicemente perché fisicamente ci siamo stati (oppure abbiamo assaggiato) e, a nostro opinabile e fallace avviso, riteniamo la cosa davvero degna di nota. Punto.

Sgombrato il campo, questa volta spezzo una delle mie rare lance per un giovane (35 anni) chef Italiano che però opera da anni nel Regno Unito, Giammarco Angelilli da Lucera (FG).

Giammarco Angelilli diario di bordo 9 febbraio 2024

Da quattro al timone della brigata del St. James Restaurant di Bushey a Londra

Un lungo e variegato bagaglio di viaggi, esperienze e sapori che spazia dall’Europa all’India passando perfino per gli states, lo ha portato a edificare una sua peculiare cucina che, dopo anni di rodaggio e affinamento, sembra avere trovato la sua chiara cifra stilistica.

Ritrovarlo sulla mia strada dopo più di otto anni mi ha incuriosito…

Curiosità pienamente soddisfatta anche se per una sola sera proprio nella sua Puglia, con una cena tematica denominata non a caso “diario di bordo” tenutasi qualche giorno addietro nella bella ed elegante cornice della Masseria Celentano a San Severo (due passi dalla natia Lucera dello chef) messa a disposizione per la serata da Alberto Longo, un nome che non ha bisogno di presentazione nel mondo del vino, amabile anfitrione e persona di rara disponibilità.

Cosa dire… un gustoso viaggio dall’Europa all’oriente, una andata & ritorno tra molti bei sapori.

Ma, anche un modo per tanti per avvicinarsi a diverse e, in certi casi sorprendenti sintassi gustative, figlie di varie scuole ed evoluzioni del pensiero gastronomico, cosa che gioca a favore della classe e della compiuta maturità di questo chef.

Cosa altro dire… cucina, cucina e tanta cucina nella più nobile delle accezioni

Giammarco Angelilli mette sul piatto il suo ormai maturo istinto nel coniugare sapori mentalmente spregiudicati, con cui disegna (e… realizza) piatti solo in apparenza dissonanti, in realtà magicamente equilibrati.

Due su tutti hanno lasciato un segno più profondo, il primo è l’omaggio al Portogallo di Que fomos como Lisboa, alla prova dei fatti (e del palato…) intreccio di sensazioni sul bacalhau pressoché perfetto, e poi l’Hangover a Bangkok dove le capesante, dopo un rocambolesco giro per l’Europa nuotano felici in un potpourri di stuzzicanti sentori dal paese del sud est asiatico, regalando attimi di non trascurabile felicità…

Pochissime chiacchiere a contorno e solo un percorso maturo che ha accompagnato tutto il succedersi di una grande cena non solo italiana, ma contemporanea.

La cucina di Giammarco Angelilli ormai solida e ben delineata, è pienamente calata nel mood gastronomico contemporaneo, e non solo di quello italiano.

Dal suo punto di osservazione privilegiato (Londra…) dove praticamente chi vuole assaggia il mondo intero facendo solo quattro passi da casa, continua a trarre ispirazioni e idee.

Cinque portate in una serata praticamente senza un passo falso, un’idea felice dopo l’altra

Giammarco Angelilli diaro di Bordo masseria celentano Lucera 9 febbraio 2024

Dalla cucina sono usciti piatti disegnati e scelti per ben fondersi in un menù completo, scansando con abilità l’effetto accozzaglia e, con il bonus dell’entrare in sintonia anche con i palati meno pronti a queste declinazioni della cucina, perché magari più avvezzi a linguaggi gastronomici tradizionali.

Cucina, cucina e ancora cucina

Il risultato finale è che per una sera non si è mangiato solo in Italia, ma in un magico ristorante esistito solo per poche ore, proprio come accade per i bei fiori bianchi e vermigli di certi cactus…

Giammarco angelilli Lucera diario di bordo masseria celentano san severo 9 febbraio 2024

Il cuoco c’è, i sapori anche, la maturità pure…

Chissà… se un giorno Giammarco Angelilli deciderà di attraversare la manica all’inverso, di sicuro ci sarà qualcuno ad accoglierlo, a braccia aperte, ne sono certo!

Teniamolo d’occhio…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo messaggio sui cookie non piace a te e non piace a noi di www.gastrodelirio.it, però siamo legalmente obbligati a dirti che li utilizziamo per rendere questo sito usabile. Cliccando con il mouse sopra questo testo presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Leggi di più. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie nameActive
This site uses cookies - small text files that are placed on your machine to help the site provide a better user experience. In general, cookies are used to retain user preferences, store information for things like shopping carts, and provide anonymised tracking data to third party applications like Google Analytics. As a rule, cookies will make your browsing experience better. However, you may prefer to disable cookies on this site and on others. The most effective way to do this is to disable cookies in your browser. We suggest consulting the Help section of your browser or taking a look at the About Cookies website which offers guidance for all modern browsers
Save settings
Cookies settings