Gastrodelirio Blog Open source

 

Gastrodelirio.it è un blog realizzato integralmente

con software Open Source.

Per chi non non ha la minima idea di cosa voglia dire questo termine, è bene dare un occhio qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Open_source.

 

Gastrodelirio Blog open Source Personalmente utilizzo software Open Source, e in particolare Linux dal lontano 1998, questo sia per motivi di ordine pratico (maggiore stabilità e affidabilità) che per motivi di ordine morale.

Non mi piace il concetto di “closed” sia nell’informatica che in qualsiasi altra situazione. E’ mia ferma convinzione che il sapere vada sempre e comunque liberamente condiviso.

Per un paio di anni, nei miei computer hanno convissuto varie distribuzioni linux, (ho cominciato con Red Hat® 7.1) con i vari Windows® (98, ME, XP – poi non sono andato oltre.  Dal 2001 utilizzo solo ed esclusivamente distribuzioni linux.

Ragion per cui… www.gastrodelirio.it è logicamente ospitato su un hosting linux.

In dettaglio, qualche dato “tecnico” su gastrodelirio .it…

Le due macchine dove è materialmente (si fa’ per dire…) è realizzato Gastrodelirio.it (un computer desktop assemblato in casa, e un vecchio netbook), sono entrambe mosse solo da una distribuzione Linux, per la precisione Mageia, che assicura stabilità, velocità e facilità d’uso.

A parte il sistema operativo, anche i vari software con cui si realizza gastrodelirio sono tutti open source – Qui sotto il dettaglio

  • La piattaforma utilizzata per il blog è l’affidabilissimo (e semplice da usare) WordPress, con l’ausilio di alcuni dei tanti e interessanti plugin che lo arricchiscono di preziose funzioni.

  • I testi vengono composti utilizzando solo formato .odt,un formato Open Source libero e condiviso.

  • Per la redazione dei testi si utilizza quasi esclusivamente Libre Office Writer, e in qualche caso, anche un piccolo e ormai dimenticato wordprocessor chiamato Abiword, che anche se non più aggiornato e migliorato da anni, usato sul minuscolo e poco potente Netbook, continua lo stesso a fare brillantemente il suo dovere.

  • Per l’elaborazione delle immagini, (per scelta) tutte provenienti da fonti di pubblico dominio, o nella maggioranza dei casi autoprodotte, si usa principalmente GIMP, per l’elaborazione e modifica di immagini vettoriali viene utilizzato anche inkscape, mentre per “collage” e immagini a vario titolo composite, si utilizza LibreOfficeDraw

 

Gastrodelirio blog Open Source