tartufi democratici Tartufi democratici - Gastrodelirio

Tartufi democratici

Tartufi Democratici

Di Fabio Riccio,    

Qualche giorno addietro sono stato all’Osteria la Frasca di Scerni (CH).

Posto semplice, pochi fronzoli, uno di quei locali che accontenta un po’ tutti con la sua cucina rustica, ben fatta e legatissima al territorio, ma anche (ecco il punto), dalla materia prima ineccepibile.

Senza addentrarmi in dettagli, la cena è stata carnivora al 110%, vale a dire Ventricina vastese tagliata come da manuale, cioè a tocchetti (anatema per quegli sciagurati che la tagliano come la carta velina, e anatema doppio per quelli che in salumeria la chiedono così tagliata…), ottimi formaggi, e una vera e propria profusione di arrosticini abruzzesi di gran qualità, come raramente se ne trovano!

Tutto saporito, semplice, ma per questo ancor più buono.

Ad accompagnare il tutto, il più che corretto sfuso (una vera rarità), e una bottiglia di Perazzelle Cacc’ e mitt Caporale dell’azienda paglione di Lucera portata da noi (alla Frasca in casi speciali è ammesso portare una bottiglia da casa, ovviamente con un calice in più da dividere con l’Oste).

Oltre il vino, ad affiancare ventricina & arrosticini, le tradizionali focacce fatte con l’impasto di pizza, con olio (buono), tartufo a scaglie, e cotte nel forno a legna, proprio a ‘mo di pizza…

Metà Luglio: gli Scorzoni (Tartufi scientificamente detti Tuber auestivum) iniziano a far capolino nei boschi dell’appennino, anche in zona Scerni & dintorni non mancano di certo.

tartufi democratici scorzoniGli Scorzoni, per chi non lo sapesse, non appartengono alla nobiltà delle trifole, sono tartufi democratici, per nulla elitari, e questo sia per il prezzo, alla portata di tutte le tasche, che per la relativa facilità nel trovarli.

Così, senza svenarsi, se ci si accontenta del loro onesto effluvio, che normalmente (bizzarrie del tempo e altri eventi naturali a parte) verso fine agosto raggiunge il suo climax, gli scorzoni sono una gradevole ed economica alternativa ai ben più costosi tartufi bianchi & affini.

Così, in questa ottica, le focacce per accompagnare salumi & formaggi, che il bravo e corretto oste ha servito, sono state arricchite proprio con abbondanza di onesti scorzoni locali.

Evviva!

tartufi democratici osteria la frasca scerniCosì, anche stavolta, il plauso gastrodelirante va all’oste della Frasca.

Ci ha servito un qualcosa di semplice, ma “pulito”, alla materia prima ci tiene.

Purtroppo in tanti e tanti altri locali, quando si tocca il tasto tartufi, si rischia di essere soffocati da “robe” e prodotti derivati (creme, conserve & poltiglie varie) che di tartufo hanno solo tracce, spesso omeopatiche…

E’ il solito (e semplice), giochetto di certi produttori sleali che con i vari aiutini chimici per tartufi, vale a dire quasi sempre il famoso bismetiltiometano aggiunto, fanno odorare i tartufi molto ma molto più di tartufo vero

Non è il caso della Frasca: l’Oste, con rara onestà e correttezza, gli scorzoni li ha messi così al naturale, sentore discreto ma vero.

La natura gli scorzoni li ha fatti così… e gustateli così! Mica sono bianchi da centinaia di euro all’etto – questi, sono i nostri onesti tartufi, i tartufi democratici. Ammirevole la filosofia dell’oste, nessun trucco, nessun inganno, filosofia che condivido al 100%!

Bravo l’Oste!

Evviva gli scorzoni!

Ragazzi… che differenza!

Differenza specialmente nell’approccio con i tanti locali dove ti piazzano (presunte…) trifole in ogni dove, dalla minestra di baccelli al gelato, vere apoteosi di piatti puzzolenti di tartufo in maniera oscena, e proprio per questo sospetti, visti anche i prezzi.

Che differenza anche con una sventurata scamorza passita al tartufo tritato, che giorni fa’ mi hanno fatto assaggiare a guisa di “reclame” in un negozio “specializzato” in cose buone: anche questa indecorosamente odorosa di Tartufo.

tartufi democratici scamorza al tartufoPeccato però, la scamorza arrivava da un piccolo e valido caseificio artigianale che in genere fa cose egregie.

Eppure… anche loro, forse per correre dietro il gusto bacato di tanta gente, con ‘sta scamorza al tartufo sono scivolati sulla classica buccia di banana, riempiendola letteralmente di aroma di tartufo.

(Nota bene: la scamorza con il tartufo costa parecchio più di quella senza…)

La scamorza, cartellino alla mano risultava prodotta a metà maggio 2016.

L’ho assaggiata circa un mese dopo.

Tra maggio e inizio giugno gli scorzoni sono ancora poco odorosi.

Invece, la scamorza spandeva esagerati effluvi di tartufo, percepibili già da più di un metro di distanza.

Facendo i classici due conti della serva, e conoscendo un po’ come funziona il trifolato universo degli Scorzoni appenninici, qualcosa non quadra, no?

Identico discorso per una saporita ricotta mangiata un mesetto e più addietro.

Ottima come ricotta, ma rovinata nel suo delicato sapore dall’indegno tartufo aggiunto.

Qualche scaglietta di scorzone qua e la, non può trasformare una ricotta in una bomba olfattiva. Anche qui puzza, ma di bismetiltiometano.

Per la ricotta, mi sono affidato solo alle mie narici e alla mia esperienza, perché me la sono trovata bella & scodellata in tavola come antipasto.

Per la scamorza invece, vista che era poggiata sul banco del negozio, sono anche riuscito a sbirciare l’etichetta, e la scritta “aromi” – badate bene, aromi e non aromi naturali era bene visibile!

Cui Prodest?

In ogni caso, a fine agosto – inizio settembre, un salto all’Osteria la Frasca di Scerni per provare gli Scorzoni, i tartufi democratici, che in quel periodo saranno al top della loro vera intensità olfattiva, lo farò di sicuro!

Tartufi democratici

Osteria la Frasca

Contrada San Giacomo, 165

66020 – SCERNI (CH)

Tel – 0873 919028

Cell. 328 466 7969

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.